LA VITA OLTRE - TRIBUTO A GENNARO LABANCA

Nel dicembre 2004, a distanza di un anno dalla sua scomparsa, la moglie Monica Casadei, i familiari e i tanti amici di Gennaro Labanca - un uomo che ha fatto della danza la sua ragione di vita, lasciando troppo presto un mondo popolato di artisti e operatori, pubblico e critici - gli hanno voluto tributare un affettuoso omaggio dedicandogli due giorni di incontri, spettacoli ed eventi nel teatro da lui fondato e diretto dal 1992, le Fondamenta Nuove di Venezia, che grazie alla sua dedizione è diventato un punto di riferimento per la danza contemporanea a Venezia e in Italia. Il successo dell'iniziativa e il calore con cui tanti artisti e operatori hanno portato il loro ricordo hanno suggerito ai promotori di fare di questo evento un appuntamento annuale, l'occasione per ritrovarsi e riannodare il filo di un discorso rivolto a un nodo cruciale del lavoro e della vita di chiunque operi nel campo delle discipline artistiche: quella passione per l'arte che motiva e spiega la dedizione ad un settore per altri versi tanto difficile e complesso e che sostiene chi investe nel suo sviluppo e nella sua crescita. Nel 2005 è stato il Teatro Nuovo di Torino, altra città a lui cara, ad ospitare questo importante appuntamento intorno alla sua figura: qui Gennaro Labanca ha vissuto gli anni della sua formazione e, dopo varie esperienze nel campo delle arti visive, si è rivolto alla danza fondando la compagnia Sutki diretta da Anna Sagna e avviando una ventennale carriera dedicata allo sviluppo e alla crescita di questo settore. Nel 2007 l'omaggio a Gennaro Labanca è stato ospitato dalla rassegna Danza del III Millennio di Parma, da lui fondata.